Contatore delle visite

Il mio Diario

Il mio Diario

Menù di Grafica

Menù di Grafica

MenùTutorial Eseguiti con autorizzazione

Menù Tutorial eseguiti con autorizzazione

martedì 10 dicembre 2019

La magia del Natale: Storia e poesie sul Natale




Il Natale è una festa che celebra la nascita di Gesù ed è una festa cristiana 

che cade il 25 dicembre.

E' una festa che viene accompagnata dalla tradizione del presepe e dell'albero di Natale


Il presepe è una tradizione che risale a San Francesco di Assisi ed è una ricostruzione figurativa della natività di Gesù ed è radicata soprattutto in Italia.


Un'altra tradizione è quella dello scambiarsi i regali natalizi alla mezzanotte del 24 dicembre o alla mattina del 25 dicembre.


L'albero di Natale invece è un'altra tradizione del simbolo del Natale, non è altro che un abete che viene addobbato con piccoli oggetti colorati, luci, festoni, dolciumi, piccoli regali impacchettati che vengono posti sotto l'albero di Natale.


Babbo natale è infine un anziano con la barba bianca che distribuisce i doni ai bambini nella notte del 24 dicembre vigilia di Natale.












La notte è scesa
e brilla la cometa
che ha segnato il cammino.
Sono davanti a te, Santo Bambino!

Tu Re dell'universo
ci hai insegnato
che tutte le creature sono uguali,
che le distingue solo la bontà,
tesoro immenso,
dato al povero e al ricco.

Gesù fà ch'io sia buono,
che in cuore non abbia che dolcezza.

Fà che il tuo dono
s'accresca in me ogni giorno
e intorno lo diffonda
nel tuo nome











E' Natale ogni volta che sorridi a un fratello
 e gli tendi la mano.

E' Natale ogni volta che rimani in silenzio
 per ascoltare l'altro.

E' Natale ogni volta che non accetti
quei principi che relegano gli oppressi
ai margini della società.

E' Natale ogni volta che speri 
E'con quelli che disperano
nella povertà fisica e spirituale.

E' Natale ogni volta che riconosci con umiltà
i tuoi limiti e la tua debolezza.

E' Natale ogni volta che permetti al Signore di Rinascere
per donarlo agli altri.









Natale.Guardo il presepe scolpito,
dove sono i pastori appena giunti
alla povera stalla di Betlemme.

Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
salutano il potente Re del mondo.

Pace nella finzione e nel silenzio
delle figure di legno: ecco i vecchi
del villaggio e la stella che risplende,
e l'asinello di colore azzurro.

Pace nel cuore di Cristo in eterno,
ma non v'è pace nel cuore dell'uomo.

Anche in Cristo e sono venti secoli
il fratello si scaglia sul fratello.

Ma c'è chi ascolta il pianto del bambino
che morirà poi in croce fra due ladri?